Mi blocchi su WhatsApp? Ecco come ti scopro!

Sorrido pensando che lo spunto per questo post, mi è stato dato proprio dai miei genitori. Dopo tanta insistenza sono riuscita a convincerli ad usare whatsapp, ma quando parlo con loro di messaggi visualizzati, doppie spunte, spunte nere o spunte blu e di ultimi accessi, mi guardano con titubanza e la classica espressione di mio padre è “ai nostri tempi, quando volevamo parlare o uscire con una ragazza, l’unica possibilità era chiamarla a casa e se non era lei a rispondere, era fondamentale presentarsi con nome e cognome. Non ci nascondevamo dietro ad una chat o ad un simbolo verde, rosso o giallo, ci mettevamo la faccia!

Proprio a proposito di faccia, noi siamo invece la generazione del controllare dieci volte in un minuto se lui o lei ha visualizzato il nostro messaggio, se è online, se “sta scrivendo”, perchè ha visualizzato e non risposto, perchè è online e non legge, perchè nel suo stato c’è scritto single ed usciamo insieme da dieci mesi, ma di questo ne ho già parlato in un post di un po’ di tempo fa (per leggerlo clicca QUI).

whatsappOggi invece, a proposito di whatsapp, vorrei parlare di quel meccanismo infernale, direi quasi “insensibile”, che si chiama “blocca questo contatto”. E’ vero che oggi il mondo è pieno di stalker e di persone che non si rassegnano, e che in tal caso questa funzione è utilissima, ma è anche vero che al mondo ci sono tante persone buone e sensibili, che oltretutto sono inconsapevoli di essere state bloccate. Sono profondamente convinta che per queste persone (quelle buone) servirebbe una notifica alternativa che li informasse di essere stati bloccati… E con dolcezza, tipo “sei stato bloccato da X perchè è una brutta persona, non piangere, tu sei una persona speciale”.

E in attesa di quella dolce notifica, è a tutte queste persone che mi rivolgo, magari molti di voi sono già super informati, ma per chi non lo fosse, ecco come fare a capire con qualche piccolo controllino, se la persona in causa, vi ha bloccato o vi blocca saltuariamente.

Ho fatto un po’ di ricerche ed ho usato due telefonini per fare le prove, quindi state sicuri che sono metodi testati.

Quando una persona vi blocca su whatsapp:
– Sulla vostra chat, non vedrete più la sua foto profilo, che “magicamente” riapparirà, quando vi sbloccherà, se vi sbloccherà.
– Anche il suo stato non vi sarà più visibile e come per la foto, riapparirà solo se sarete sbloccati.
I messaggi che invierete non saranno consegnati e quindi voi vedrete una sola spunta, in quanto solo la doppia spunta da la conferma che il messaggio è arrivato a destinazione (per la certezza che sia stato letto servirebbe la doppia spunta blu, ma dopo la polemica iniziale, fu aggiunto nell’aggiornamento successivo di whatsapp, un metodo per occultare questa opzione, che si trova in >impostazioni >privacy). Quindi, per semplificare, una sola spunta è una prova importante per capire se siete stati bloccati.
– I messaggi che invierete nel periodo in cui siete bloccati, non arriveranno a destinazione nemmeno quando sarete stati sbloccati e quindi la persona che li dovrebbe aver ricevuti non li vedrà mai. Se dubitate del vostro compagno, provate a chiedergli, ovviamente con un’ innocenza pari a quella di Biancaneve, “amore non mi hai detto cosa ne pensi di stasera, andiamo o non andiamo?”, lui o lei, se vi avranno bloccato e quindi non letto il vostro messaggio, non capiranno assolutamente a cosa vi state riferendo.

Ecco qua, pochi semplici gesti per capire con chi avete a che fare. Qualche giorno fa ho letto un post di uno dei miei followers con scritto “LA VERITA’ STA BENE CON TUTTO”.
Io sono pienamente d’accordo.
Ed ora buon lavoro! 😉

This entry was posted in Gossip & love and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *