Un caffè shakerato da Costanza Fontani per scoprire la donna super chic di “Essentiel”

Conosco Costanza Fontani da non molto, ma da quando è successo, ci capita abbastanza spesso di bere qualcosa insieme e credo che questo feeling sia arrivato proprio perché entrambi siamo figlie d’arte (della ristorazione!) e sempre entrambi abbiamo venduto anima e cuore alla moda per rincorrere i nostri sogni.

“Un caffè shakerato da Costanza Fontani” ci accompagnerà da oggi per le prossime ultime tre domeniche del mese e in questi post ci sarà la possibilità di conoscere un po’ più a fondo chi sta dietro le quinte di Moijejoue, la famosa boutique di via Gioberti e di scoprire meglio quelli che sono i brands venduti proprio nei negozi di Costanza Fontani (esiste anche un altro Moijejoue a Tonfano, in Versilia).

Qualcuno potrà chiedermi, “perché non un semplice caffè, ma shakerato?” E io preferisco dire che la risposta sta tra le righe di questa intervista, una volta letta, sicuramente nessuno penserà più ad un caffè normale immaginando Costanza.

L’Outfit che accompagna l’intervista è la mia interpretazione di un abito Essentiel scelto per me da Moijejoue. Ma non voglio anticiparvi altro e desidero che possiate calarvi nell’istrionico mondo di Moijejoue e di Essentiel proprio grazie alle parole di Costanza Fontani.

moijejoue firenze1- Vorrei cominciare proprio dall’inizio, come si sviluppa la passione per la moda nella figlia di uno dei più noti ristoratori fiorentini?

La moda è una passione che mi accompagna da che ho memoria. Mi è sempre piaciuto acquistare e sfogliare riviste di moda, fare shopping… Insomma vivere la moda in ogni suo singolo aspetto e respirarla a pieni polmoni.
Dopo la laurea in psicologia, per un periodo ho aiutato mio padre nella gestione della sua attività, ma il settore della ristorazione non soddisfaceva. Un lavoro, per essere felice e farti stare bene, te lo devi sentire cucito addosso, quasi fosse una seconda pelle. Ho deciso quindi di interrompere il mio percorso nella ristorazione e di seguire la mia vera vocazione, quella per la moda, aprendo nel 2010 un negozio di abbigliamento donna.
Mio padre in questa decisione mi è sempre stato accanto, appoggiandomi nelle varie scelte e dandomi consigli per quanto riguarda tutti i vari aspetti della mia attività.

2- Che cos’è la moda per te Costanza?

Non dirò che la moda è la mia vita , ma è sicuramente una parte imprescindibile del mio essere, nonché l’aspetto centrale del mio lavoro. Per me la moda è piacere, passione, è fare tuo un abito, trasmettere attraverso un capo o un mix di capi la tua personalità e il tuo stile.

moijejoue firenze3- Quanto è importante la ricerca per chi fa moda e soprattutto da dove inizia il tuo viaggio alla scoperta di tendenze nuove e originali?

La ricerca per me è basilare, sono le fondamenta del mio lavoro. Sono assolutamente contraria all’omologazione, agli stereotipi nella moda e l’ultima cosa che voglio è che le mie clienti indossino capi uguali a qualcun altro. Cerco sempre capi unici, sia come stile, che come qualità. Prediligo brand poco noti e di nicchia, adoro proporre novità e qualcosa di diverso. Il fil rouge resta sempre la femminilità: ogni brand che scelgo è unico a suo modo, ma si sposa in modo armonioso con gli altri presenti nelle mie boutique e in linea con lo stile di Moijejoue.

4- Quali sono i paesi che ti donano maggiore ispirazione e dove riesci ad acquistare con più facilità ed entusiasmo?

All’inizio del mio lavoro giravo spesso per le fiere di settore tra Londra, Parigi e Berlino. Negli anni ho dovuto rallentare per stare il più possibile vicino a mia figlia, ma agli appuntamenti parigini non riesco a rinunciare. Per quanto riguarda i miei luoghi preferiti per lo shopping, adoro ed acquisto principalmente capi di marchi francesi e americani. Francia e USA hanno due anime e due visioni della moda diametralmente opposte, ma che insieme creano il connubio perfetto: da un lato, uno stile bon ton, sofisticato ed elegante, senza tempo; dall’altro un gusto cosmopolita, grintoso, contemporaneo e più dinamico.

moijejoue firenzemoijejoue firenze5- Durante i tuoi viaggi di lavoro, sei sola a fare gli acquisti oppure hai un team che lavora con te? Ti affidi a buyers del settore oppure preferisci essere l’unica a selezionare i capi per Moijejoue?

Mia madre e mia figlia mi accompagnano fedelmente nei miei viaggi di lavoro e a volte capita che si unisca anche mio marito e mio padre. Diciamo che utilizziamo la “scusa” del viaggio per passare un po’ di tempo insieme in famiglia e condividere un’esperienza. Quando si tratta di acquistare preferisco portare con me le mie collaboratrici, perché stando molto a contatto con il pubblico, conoscono meglio di me il target e i gusti delle clienti e sanno indirizzarmi nella scelta. Per quanto riguarda la selezione dei capi non mi affido a buyers esterni, perché preferisco fare da sola una prima selezione: in questo modo sono guidata soltanto dal mio istinto e senso estetico.

6- Oggi hai scelto di presentare Essentiel, un brand belga che tu hai deciso di portare a Firenze nonostante sia ancora poco conosciuto. Come sei arrivata ad Essentiel? E chi ha cercato chi?

Ho scoperto Essentiel ad una fiera di settore ed è stato amore a prima vista. Quando ho visto lo stand ho pensato “Lo voglio! Questo brand deve essere mio!”. Successivamente mi sono messa in contatto con l’azienda e ho selezionato i capi che volevo dal loro vastissimo campionario.

moijejoue firenze7- Essentiel è sicuramente un brand istrionico e molto particolare, ti piace il loro stravagante modo di abbinare colori forti e fantasie, tessuti e pelli, glitter e stampe? Oppure preferisci una tua interpretazione di Essentiel per Moijejoue?

Ho scelto Essentiel perché sicuramente il marchio ha molto in comune con il tipo di donna a cui mi rivolgo: grintosa, femminile e molto chic. Per quanto riguarda gli styling, così come per la selezione dei capi, ci tengo a curare questo aspetto in prima persona per trasmettere alle clienti non la “donna Essentiel” ma la “donna Moijejoue che indossa Essentiel”. Mi piace perché la varietà di fitting, tessuti e colori di questo brand mi dà la possibilità di creare molteplici mix and match sempre d’impatto che bene si sposano con gli altri marchi presenti nei miei negozi e con il mood in generale di Moijejoue.

8- Qual è la donna Essentiel del prossimo autunno-inverno 2014-2015?

La donna Essentiel è e resta super chic e femminile. Le piace spaziare, giocare e abbinare tessuti e stampe totalmente diversi come la seta col neoprene, capi in tartan con maglioni dai disegni super colorati. Le possibilità sono infinite come gli abbinamenti, ma la femminilità giocosa e mai urlata resta il fulcro della prossima stagione.

moijejoue firenze9- Credo che tu possa essere orgogliosa di aver portato a Firenze un brand come Essentiel, avresti un consiglio, un suggerimento, una dritta da dare allo stilista in merito alla tua esperienza?

Sono molto orgogliosa di aver portato per prima Essentiel a Firenze, perché come dicevo prima un aspetto basilare del mio lavoro per me è nella continua ricerca qualitativa di brand di nicchia e poco blasonati in un’ottica di unicità, originalità e novità che rifugge il già visto, lo stereotipo. Quanto allo stilista di Essentiel, non voglio dire nulla. Preferisco pensare al mio lavoro e concentrarmi su quello.

10- Infine regalaci una chicca. Svelaci tre tendenze per la prossima stagione secondo Costanza Fontani.

Ve ne svelo più di tre. Innanzitutto lo stile Seventies tornerà in voga. Per quanto riguarda riguarda i tessuti, per la prossima stagione dico assolutamente il tartan, il neoprene e la seta.
I tre pezzi irrinunciabili sono la camicia bianca, la francesina e la pochette day-to-night. Infine per quanto riguarda i tre colori di tendenza direi il verde, il bluette e il bordeaux.

moijejoue firenze

moijejoue firenze

moijejoue firenzeGrazie a Costanza Fontani e a Moijejoue (via Gioberti 70 Firenze)

Scopri qui tutti i capi Essentiel selezionati per noi da Costanza Fontani

www.moijejouefirenze.it

Abito EssentielBorsa Louis VuittonCalzini GalloScarpe Anna F

Cappello “Cristina e i suoi Colori”- Collana Vintage- Bracciali e Anelli Celeste G

 

This entry was posted in Fashion style and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Un caffè shakerato da Costanza Fontani per scoprire la donna super chic di “Essentiel”

  1. Stefano says:

    Che dire…
    … L’abito,avanti anni luce,calzettone da star!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *